Ogni giorno sembra che proviamo centinaia di emozioni diverse.

Un nuovo studio dice che le quattro emozioni “di base” sono: felice, triste, paura/sorpresa, e arrabbiato/disgustato.

La “ruota delle emozioni” di Robert Plutchik mostra solo alcuni dei ben noti strati emotivi

plutchik-wheel-svg

La felicità ci spinge a condividere

La psicoanalista Donald Winnicott ha scoperto che la nostra prima azione emotiva nella vita è quello di rispondere al sorriso di nostra madre con un nostro sorriso. Ovviamente, la gioia e la felicità sono in tutti noi.

Altro che farci … beh, felice … la gioia può anche essere un driver di azione. La scoperta di Winnicott di “sorriso sociale” di un bambino ci dice anche che la gioia aumenta quando è condivisa.

Non c’è da stupirsi, quindi, che la felicità è il driver principale per la condivisione dei mezzi di comunicazione sociale. Emozioni relative alla felicità costituiscono la maggior parte di questa lista dei migliori piloti di contenuti virali.

Ecco la top ten delle 10 emozioni più condivise sui social

  1. Divertimento
  2. Interesse
  3. Riuscire a sorprendere
  4. Piacere
  5. Soddisfazione
  6. Speranza
  7. Affetto
  8. Eccitazione

Per cui un post più contenuti positivi avrà e più sarà virale. Quando vediamo o creiamo un’immagine che ci anima, la postiamo per dare agli altri un po’ di energia e di effervescenza. Ogni dono detiene lo spirito del gifter. Inoltre, ogni nostra immagine comunica agli altri che siamo vivi, felici e pieni di energia (anche se non possiamo sempre sentirci in quel modo). E quando andiamo a mettere un “Mi piace” o commentare una foto o un video, stiamo inviando un dono di sorta al mittente. Ma, più profondamente, questo ‘dono’ della condivisione contribuisce ad uno scambio di energia che amplifica il nostro piacere.

La tristezza aiuta la connessione e l’empatia

Se si guarda la tristezza come l’altra faccia della felicità, le emozioni di tristezza e dolore illuminano molte delle stesse regioni del cervello come la felicità.
Ma quando il cervello prova tristezza, produce anche particolari sostanze neurochimiche.
Paul Zak  condotto uno studio dove ha esposto i partecipanti a una breve, triste storia di un ragazzo con il cancro. Un gruppo la poteva vedere l’altro solo sentire.
Come hanno vissuto la storia i partecipanti?
Tutti hanno prodotto cortisolo, noto come “ormone dello stress”; e l’ossitocina, un ormone che promuove la connessione e l’empatia. Quelli che hanno visto la storia hanno prodotto più ossitocina ed erano i più propensi a dare i soldi del gruppo che non potevano vedere la storia.
Zak ha così determinato che le capacità dell’ossitocina può aiutarci a creare la comprensione e l’empatia e anche renderci più generosi e fiduciosi.
In un altro studio, i partecipanti sotto l’influenza di ossitocina hanno donato più soldi in beneficenza rispetto a quelli non esposti alla sostanza chimica.
“I nostri risultati mostrano perché cuccioli e bambini sono in spot di carta igienica”, ha detto Zak. “Questa ricerca suggerisce che gli inserzionisti utilizzano immagini che stimolano il nostro cervello a rilasciare ossitocina per costruire la fiducia in un prodotto o una marca, e quindi aumentare le vendite.”

La paura/sorpresa ci porta alla disperata ricerca di qualcosa a cui aggrapparsi

Anche se coloro che sono inclini ad ansia, paura e depressione mostrano anche un più alto rapporto di attività nella corteccia prefrontale destra, l’emozione della paura è in gran parte controllata da una piccola struttura a forma di mandorla nel cervello chiamata amigdala.

L’amigdala ci aiuta a determinare il significato di ogni evento spaventoso e decide come rispondere (lotta o fuga). Ma la paura può anche causare un’altra risposta che potrebbe essere interessante per il marketing in particolare.

Uno studio pubblicato nel Journal of Consumer Research ha dimostrato che i consumatori che hanno sperimentato la paura durante la visione di un film hanno provato una maggiore affiliazione con un regalo di marca rispetto a quelli che hanno visto i film che evocano altre emozioni, come la felicità, tristezza o eccitazione.

La teoria è che quando abbiamo paura, abbiamo bisogno di condividere l’esperienza con altri – e se nessun altro è in giro, anche un marchio non umano farà. La paura può stimolare le persone a segnalare un maggiore attaccamento a un marchio.

La rabbia/disgusto ci rende più ostinati

L’ipotalamo è responsabile per la rabbia, insieme a un sacco di altre esigenze come la fame, la sete, la risposta al dolore e la soddisfazione sessuale.
E se da una parte la rabbia può generare altre emozioni molto forti come l’aggressività, può creare anche una curiosa forma di “incaponimento online”, come ha scoperto un recente studio dell’Università del Wisconsin ha scoperto.

I partecipanti sono stati chiamati a leggere un post che conteneva una discussione riguardo ai rischi e ai benefici di una particolare nanotecnologia. Il corpo del post era lo stesso per tutti e tutti i commenti erano coerenti e intensi, ma un gruppo lasciava commenti civili mentre l’altro molto più violenti e arrabbiati, lasciando andare ad epiteti piuttosto forti.

Il risultato è stato piuttosto sorprendente. I commenti incivili non solo avevano focalizzato l’attenzione dei lettori, ma spesso avevano cambiato anche l’interpretazione del soggetto verso il contenuto.

Nel gruppo civile, invece, chi non aveva una particolare posizione in merito all’argomento, rimanevano così anche dopo aver letto i commenti. Quelli che avevano letto i commenti negativi, finivano con l’essere più indirizzati nel comprendere i rischi della nanotecnologia.

In ogni caso, tutti diventavano più sicuri di loro stessi quando esponevano i commenti in modo più violento.

Il nuovo panorama dei media che ormai da qualche anno si sta delineando, ha creato una nuova forma di “piazza pubblica” senza le tradizionali norme sociali e di autoregolazione, dove quello che sappiamo e quello che pensiamo di sapere coincidono sempre più spesso.

La negatività ha un effetto reale e duraturo, ed è evidente anche in come i contenuti vengono condivisi.

Alcuni sentimenti negativi sono associate alla viralità, come l’ansia, la rabbia e il timore.

CONTATTACI

Risponderemo appena possibile alla tua richiesta.

Sending

© 2018  World Wide Management s.r.l.s. | Tutti i diritti riservati | REA MI-2125864 | P. Iva 09976240961 | Posta Elettronica Certificata

Log in with your credentials

Forgot your details?